Iscriviti alla Newsletter per ricevere aggiornamento e notizie esclusive

India Moto Challenge: Rajasthan Edition

Feed di Facebook

copertina

India Moto Challenge: Rajasthan Edition“Cento pagine di India”

Pubblicato il 01/02/2020

Sembra che l’inverno sia già alla fine, ho passato questo strano tiepido inverno contando i giorni.

Una smania insofferente rendeva difficile il quotidiano.

La partenza è sempre uno spartiacque, c’è sempre un prima e un dopo, un po’ di tempo fa, chiudendo la valigia, avevo costantemente la sensazione di aver dimenticato qualcosa di importante, ora potrei partire con solo gli abiti che indosso, come se la parte piena della vita fosse dall’altro lato.

Come se “di là” ci fosse tutto quello di cui ho bisogno.

Con il tempo ho scoperto che non erano le cose che potevo aver scordato a darmi ansia, ma la paura di non essere adeguato al mondo, la paura di lasciare la comodità di una costruita conosciuta routine.

Quella routine che mi rendeva preferibile un comodo chiuso recinto di cose note, che mi legava, mi teneva ingabbiato, in un quotidiano senza imprevisti.

Quante volte mi sono sentito dire, ma dove vai? Che ci vai a fare?

Chi poneva la domanda non poteva sapere, quante volte mi ero posto lo stesso interrogativo, per scoprire poi, piano piano, che la vita non è allontanare, levare cose, per lasciare solo quello che non ci fa paura, spesso solo perché non lo capiamo, ma aggiungere scoprire le mille facce del mondo che solo insieme ti spiegano la vita.

In questo viaggio tornerò in Rajastan, quando si è presentata l’occasione non ho esitato, ho accettato l’invito quasi senza pensare, poi mi sono chiesto perché tornare in luoghi dove ho già posato i miei passi?

Come in un dialogo, mi sono immediatamente risposto e la replica era molto semplice, “perché la volta scorsa non ero pronto”.

Non ero preparato ad affrontare l’estremo della miseria.

Mi imbarazzavano i sorrisi dei bambini di strada che ti tirano per la giacca nella spasmodica ricerca di una moneta, trovavo insopportabile il contrasto con le magnifiche dimore dei Maharaja.

Mi intimoriva affrontare la spazzatura che spesso ricopre la strada e confrontarmi con gente che vive di mille precari lavori.

Non ero pronto a calarmi in realtà difficili, confesso che spesso ho girato la testa con profondo disagio, ho cercato di allontanare gli occhi da ciò che ritenevo insopportabile e ho provato a trattenere con lo sguardo solo ciò che ritenevo “bello”, isolato dal contesto.

Non è che oggi sono cinicamente più forte, che qualcosa è cambiato, provo sempre disagio.

La scatola degli arnesi, con cui affronto la vita è sempre la stessa, sarebbe impossibile cambiare quello che ha formato i sedimenti della mia storia.

Credo però nella forza del racconto. Credo nelle parole, anche se convincerò una sola persona a compiere un viaggio sulla strada, in mezzo alla gente, per ritrovare il pieno del quadro di insieme, senza paure, questo lo considererò un successo, per cui vale la pena di scrivere, viaggiare e raccontare.

Vedi il libro 

Film del Viaggio

Articoli correlati

Map & Tools
Moto utilizzata per il viaggio

Maps & Tools

alcune informazioni se volete intraprendere questo viaggio

Moto usata: ENFIELD Bullet 500 EFI una moto che viene dal passato, giusta per queste strade, “Made like a gun, goes like a bullet” (Costruita come un cannone, va come un proiettile, diceva una antica pubblicità per esaltarne robustezza, affidabilità e velocità). Prodotta dalla più antica fabbrica di moto ancora in attività (1893). Robusta è robusta, affidabile anche, perchè in ogni villaggio o grumo di case qualcuno sa metterci mano, di veloce c’è rimasta solo la parola, ma per queste strade va bene così. Serbatoio sufficientemente capiente, consuma veramente poco, la velocità di crociera non puo’ superare i novanta orari. Quando ti accomodi sulla sella, ti cali in un motociclismo antico e per me che un po’ antico comincio ad esserlo è una piacevolissima sensazione.

Periodo: Febbraio – Marzo

Strade: Parlare delle strade di Delhi non ha senso, piene di smog con un traffico allucinante, ogniuno fa quello che vuole secondo la legge del più grosso, prima vengono i camion, poi i furgono, le auto, le moto e i pedoni, ricordate di non date loro la precedenza, non se lo aspettano li mettereste in imbarazzo e quasi sicuramente verrete tamponati. La gente per necessità guida spesso in contromano, anche in “autostrada” (leggete il post del 23 febbraio per avere una vaga idea) ricordatevi che si guida a sinistra, le moto nella maggior parte delle autostrade non pagano il pedaggio, guardate bene il casello e in un angolo vedrete un piccolo pertugio  in cui vi potrete infilare. Comunque, attenzione, prudenza e occhio anche agli animali sono tutti sacri!!!

Meteo: un po’ di nebbia al mattino nei dintorni di Delhi ma nulla di più (sono stato tre volte in questa capitale e non sono mai stato sicuro se alzando gli occchi al cielo quello che vedevo fosse nebbia o smog, sei costantemente immerso in un’aria lattiginosa di un color beige caffellatte). la zona del Rajasthan è desertica quindi in questo periodo il tempo è buono e asciutto.

Temperatura: fresco al mattino a Delhi, poi tiepida fino a calda nel resto delle località.

Se vi interessano le tracce GPS i POI o qualsiasi altra notizia potete scrivermi all’indirizzo del sito.

Si precisa che l'intero ricavato derivante dalla vendita dei libri è devoluto a scopi benefici. Puoi visitare la pagina che raccoglie tutte le Organizzazioni Non Lucrative di Utilità Sociale a cui vengono devoluti i ricavi.

Torna in alto